Hotel Millefiori - Vigo di Fassa

Hotel
Millefiori
Loc. Vallonga
38039 Vigo di Fassa (TN)

Telefono
+39 0462 769000
p.I.V.A. 01386610222
Fax
+39 0462 769000
E-Mail
info@hotelmillefiori.com
HomePage
www.hotelmillefiori.com

P.IVA: 01386610222


Un pò di idee per magiche escursioni :-)


IN FOTO: Lago di Carezza

Lago di Carezza: Ideale da visitare nei giorni di arrivo o di partenza. Raggiungibile in macchina. E' molto famoso per il suo splendido colore, per il riflesso del Latemar nelle sue acque e per la leggenda dell'Ondina.
La leggenda racconta:
Nel lago di Carezza si vedono riflessi tutti i colori dell'iride, mentre gli altri laghi montani sono tinti solamente di azzurro o verde.
Questa meraviglia è però frutto di un sortilegio; infatti lo stregone del Latemar si era innamorato della bellissima Ondina, la ninfa che ne abitava le acque, e tentò più volte di rapirla.
Così un giorno, consigliato dalla Stria del Masarè, fece apparire nel lago di Carezza un bellissimo arcobaleno con lo scopo di attrarre l'amata. Ma quando l'Ondina uscì dalle acque spinta dalla curiosità, vide lo stregone e fuggì spaventata. Il mago fu preso da un tale furore per l'ennesimo fallimento che prese l'arcobaleno e lo gettò in mille pezzi nel lago. E da quel giorno, appunto, le sue acque rispecchiano tutti i colori dell'iride.
Non sempre si riesce a vedere Ondina, è raffigurata con una statua in bronzo e posta proprio su una roccia dentro il lago; quando il lago è alla sua capienza massima, Ondina resta sommersa.

Lago di Mezzo: a 15 minuti dal Lago di Carezza, imboccando il sentiero Agatha Christie, è possibile vedere il laghetto di mezzo, (ma non presente in tutti i mesi dell'anno).
Ideale per chi volesse sdraiarsi in tutto relax a prendere il sole o fare un pic-nik sul prato che lo circonda o far giocare senza preoccupazioni nell'acqua il proprio cane. Poco distante parte il sentiero per il Labirinto del Latemar.






IN FOTO: Lago di Antermoia

Antermoia: assieme all'omonimo rifugio incastonato nel maestoso gruppo del Catinaccio, splendido lago di alta montagna, raggiungibile con un escursione di circa 4 ore (sola andata) da diversi punti di partenza. Raccomandiamo di effettuare l'escursione con il bel tempo e partendo di buon mattino.

Laghetto Re Alberto: adiacente all'omonimo rifugio, situato ai piedi delle magnifiche 3 torri del Vajolet, raggiungibile tramite un sentiero attrezzato con partenza a sinistra dei rifugi Vajolet e Preuss. Per arrivare ai rifugi invece si può partire con la funivia del Ciampedie a Vigo o con le navette per il Gardeccia a Pera. 4 h di cammino. Arrivati al laghetto è possibile proseguire fino al rifugio Santner, da dove è possibile scorgere la Val d'Ega, gran parte delle montagne dell'Alto Adige con la città di Bolzano sullo sfondo.

Lagujel: i laghetti del Lagujel sono situati a lato della Val San Nicolò con circa 2 ore di cammino dal parcheggio (sola andata). Passeggiata in salita, attraversando il bosco si arriva ad un altipiano circondato da bellissime montagne con al centro gli splendidi laghetti.

Cascate della Val di San Nicolò: proseguendo a piedi dallo stesso parcheggio, con un altro paio d'ore, ma non impegnative, si arriva alle cascate con l'omonimo rifugio. E' poi possibile proseguire fino al Passo San Nicolò e scendere verso il Ciampac.

Laghi di Lusia: Dalle Cune (impianti del Lusia sopra Moena) in 3 ore si raggiungono i laghi di Lusia, attraversando piste da sci, boschi e pascoli. Per chi non volesse percorrere la stessa strada due volte è possibile, (allungandola un po') effettuare un anello scendendo a Malga Bocche, da dove si può ammirare il bellissimo gruppo delle Pale di San Martino di Castrozza, poi però occorre risalire un ultimo pezzo di pista per raggiungere nuovamente gli impianti.

Laghetti di Col Bricon: Tranquilla passeggiata di 30 minuti dalla Malga Rolle, percorrendo una mulattiera immersa nel bosco si raggiunge l'omonimo rifugio affiancato da due splendidi laghetti. Ideale come meta nei giorni di arrivo e partenza, inoltre è possibile abbinare la visita alla riserva naturale dei cervi, attraversando il ponte sospeso sopra le cascate, situato nel sottostante parco naturale di Paneveggio.


IN FOTO: LAGO DI SAN PELLEGRINO

Di facile raggiungimento, con la macchina si arriva direttamente al parcheggio in parte alla statale in cima al Passo san Pellegrino, dal parcheggio parte il sentierino che in 5 minuti scende al Lago. Bellissima passeggiata, seppur breve, attorno al lago, tra ponticelli e cespugli di mirtilli.

IN FOTO: DIGA DI FEDAIA

Diga del Fedaia: Arrivati al Passo Fedaia in macchina, si scorge un suggestivo paesaggio, una diga ai piedi del ghiacciaio della Marmolada, zona di pescatori.
Attraversando il ponte si raggiungono i diversi rifugi e la bidonvia che Vi porta in quota. Nelle vicinanze è possibile visitare il museo della Grande guerra.
Per chi non ha paura dell'altezza, scendendo a Malga Ciapela, parte la funivia di 3 tronconi che Vi porta a 4000 metri direttamente sul ghiacciaio, per una visita alle trincee o semplicemente ammirare il panorama prendendo un aperitivo.
Appena sotto al Passo Fedaia c'è la zona dei Seracchi di Sottoguda, un canyon molto suggestivo per una passeggiata tranquilla, senza presenza di automobili. E' possibile attraversarli anche con il trenino elettrico.
Per completare la giornata, il paese sottostante di Rocca Pietore è famoso per le lavorazione del ferro battuto e peltro.

FOTO: Lago di Braies a San Candido - vicino a Brunico

Con circa 1 ora di macchina potrete raggiungere e trascorrere un' indimenticabile giornata al magnifico Lago di Braies, considerato il più bel lago alpino dell'Alto Adige... che spesso viene chiamato anche la “perla dei laghi dolomitici”, deve la sua origine allo sbarramento per frana.

Si trova all'interno del Parco naturale Fanes - Sennes e Braies. Ha una lunghezza di 1,2 km ed una larghezza di 300-400 metri; 36 metri di profondità massima.


Ed anche questo lago nasconde una leggenda: con una piccola barca, ogni anno, in una notte di luna piena, la regina e Ljanta fecero il giro del lago di Braies in barca, uscendo dalla porta di roccia che ha dato il nome ladino “Sass dla Porta” alla Croda del Becco (2.810 m s.l.m.). Il lago di Braies è inoltre anche tutto l’anno un ideale punto di partenza per tante passeggiate, escursioni o gite in mountainbike. L’Alta Via delle Dolomiti 1 per esempio, parte dal lago e vi porta nelle vicine vette, da dove vi aspetta un panorama mozzafiato.

E durante una rilassante gita in barca a remi sul lago, potrete riprendere energie e godere il fantastico panorama che vi circonda. E i più coraggiosi si possono anche tuffare nell’acqua gelida… :-)!


Durante la vostra vacanza non può certo mancare una puntatina allo splendido Lago di Braies, il quale ha recentemente fornito l'ambientazione per le riprese della serie televisiva "Un passo dal cielo" con Terence Hill

Powered by FassaWEB ® database - Informativa sui cookie